Home Tesine studenti Tesine Clinica Tesina: Presentazione di una tesi in power point

Tesina: Presentazione di una tesi in power point PDF Stampa E-mail
Scritto da Carnovale Federica, Ferella Giovanna, Orsolani Alice   
Giovedì 19 Maggio 2011 11:00

 

 

 

 

Laurea Magistrale in Psicologia Clinica e di Comunità

 

Corso di Informatica

 

Professor Vito De Feo

 

A.A. 2010-2011

 

 

 

 

 

 

Relazione

Presentazione in Power Point di una tesi di laurea

di

Carnovale Federica

 

Ferella Giovanna

 

Orsolani Alice

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Di seguito la spiegazione per la realizzazione delle slides in Power Point di una tesi di laurea.

 

Per avviare il nostro lavoro su Power Point, da "Progettazione" scegliamo il tema delle slides utilizzando la combinazione di colori  "Modulo", selezionandolo dalla barra colori. Scegliamo questa combinazione poiché ci sembra piuttosto neutra, adatta alla presentazione di una tesi di laurea.

 

 

 

 

 

 

 

Slide 1

Prepariamo la prima diapositiva della presentazione inserendo il titolo nell'apposito riquadro "Fare clic per inserire titolo", dimensione 43, ed i nostri nomi nel riquadro "Fare clic per inserire testo", dimensione 28. Selezioniamo dalla barra dei caratteri il carattere "Arial", che decidiamo di utilizzare per tutta la presentazione.

Passiamo alla slide successiva cliccando su "Nuova diapositiva".

 

Slide 2

Inseriamo il titolo della slide come indicato precedentemente ed il relativo testo, evidenziando in giallo le due parole chiave "ossitocina" e "vasopressina". Giustifichiamo il testo attraverso l'apposito comando.

Da "Inserisci", abbiamo scelto, tra le "Forme", l' "Ovale" e, dopo averne selezionato le dimensioni, lo riportiamo più volte sulla slide facendo "copia e incolla" e inserendo dentro ognuno le parole del nostro elenco.

Per inserire l'animazione nella diapositiva in questione, selezioniamo l'elemento desiderato (l' "ovale" che, di volta in volta, ci interessa), clicchiamo poi su "Animazione personalizzata", "Aggiungi effetto", "Entrata", "Entrata veloce" e così via per ognuno degli elementi, avendo deciso di far entrare ogni elemento al clic del mouse in modo tale che il tempo della presentazione sia a discrezione di chi la compie (modalità "Inizia al clic del mouse").

Inoltre abbiamo inserito due frecce circolari, che appaiono insieme, al termine dell'elenco, con l'effetto "Scacchiera", per evidenziare la reciproca influenza dei fattori individuati.

 

 

 

Slide 3

Scegliamo la diapositiva "Due contenuti", eliminando però il titolo generale e lasciando solo le due colonne con lo spazio relativo ai due titoli che coloriamo dello stesso colore utilizzato per i titoli delle precedenti slides.

Nella prima colonna (il cui titolo è "Animali") da "Inserisci", selezioniamo "Forme" e scegliamo un rettangolo che riportiamo sulla slide per inserirvi dentro i concetti relativi al testo. Lo riportiamo per due volte e colleghiamo i due riquadri con una freccia, per poi inserire gli effetti di animazione ("Entrata a scacchiera", "Entrata veloce", "Entrata a scacchiera").

Nella seconda colonna (il cui titolo è "UOMO"), che facciamo comparire a sua volta con l'effetto animazione, in seguito alla prima colonna, facciamo comparire il secondo paragrafo, tramite l'effetto animazione, successivamente al primo ("Animazione personalizzata", "Entrata veloce"). Infine inseriamo, tramite effetto "Entrata a scacchiera",una freccia che va verso destra (da "Inserisci", "Forme") per far capire che la slide successiva (numero 4) è concettualmente collegata alla seconda colonna di questa slide (numero 3).

 

 

Slide 4

In questa slide rappresentiamo tramite una tabella i dati emersi dai risultati degli studi relativi all'essere umano che abbiamo presentato nella slide precedente. Per creare la tabella, abbiamo cliccato su "Inserisci", "Tabella", numero righe: 11 e numero colonne: 4.

 

Sotto la tabella abbiamo inserito una casella di testo dall'apposito comando ("Inserisci casella di testo") per spiegare meglio i dati in essa contenuti e la fonte da cui abbiamo ricavato la tabella.

 

 

Slide 5

 

Scegliamo una diapositiva semplice, eliminando la casella "Titolo" poiché non necessaria. Utilizziamo il comando "Inserisci", "SmartArt", "Elenchi", " Due elenchi in pila" per esporre i risultati di una ricerca su due popolazioni differenti.

In seguito, inseriamo lateralmente una freccia attraverso il comando "Inserisci", "Forme", "Frecce" per evidenziare un fattore importante relativo ai due elenchi. Inseriamo gli effetti di animazione attraverso il comando "Animazioni", "Animazione personalizzata", "Entrata veloce" per gli elenchi e "Scacchiera" per la freccia, scegliamo la velocità "Molto veloce". Al di sotto inseriamo una casella di testo.

 

 

 

Slide 6

Dopo aver inserito una prima parte di testo aggiungiamo centralmente da  "Inserisci", "Smartart", "Processi", "Processo frecce distanziate" tre contenuti tra loro sequenziali. Terminiamo quindi la slide con un'ultima parte di testo. Inseriamo l'animazione, come spiegato precedentemente, utilizzando in particolare gli effetti "Entrata veloce" e "Scacchiera".

Slide 7

Da "Inserisci", "SmartArt", selezioniamo il diagramma di Venn e adattiamo le sue proporzioni alle nostre esigenze (eliminiamo uno dei tre cerchi). Il nostro scopo è quello di mostrare  per quali caratteristiche due gruppi di riferimento differiscono e quali invece hanno in comune. Scegliamo due colori diversi per i due cerchi del diagramma: selezioniamo la figura ed utilizziamo il comando "Progettazione" , "Cambia colori".  Inseriamo poi in alto una casella di testo per riportare il contenuto relativo. Usiamo una casella di testo per creare la legenda del diagramma.

 

 

Slide 8

Dopo aver indicato le due aree cerebrali, coinvolte nel comportamento descritto nella tesi di lavoro, con la modalità "Elenco puntato", inseriamo una piccola pergamena in alto a destra ripetto al contenuto della diapositiva per indicare la popolazione di riferimento (ANIMALI), da "Inserisci", "Forme". Per inserire l'animazione, evidenziamo la pergamena, poi selezioniamo "Animazione personalizzata", "Aggiungi effetti", "Entrata Veloce" e ripetiamo la stessa modalità selezionando il contenuto della slide, in modo che appaiano in sequenza dapprima la pergamena e poi i due paragrafi del contenuto della slide.

 

 

Slide 9

Anche in questo caso inseriamo il testo utilizzando la modalità "Elenco puntato" e aggiungiamo in alto a destra la pergamena (vedi slide 8) per indicare, ancora una volta, la popolazione di riferimento (questa volta UOMINI). Anche in questa diapositiva inseriamo l'animazione, utilizzando le modalità già descritte per la slide precedente (vedi slide 8).

 

 

Slide 10

Dopo aver scelto la diapositiva "Con immagine con didascalia" , selezioniamo l'immagine desiderata da un articolo scientifico, quindi fotografiamo tutta la pagina dell'articolo usando il tasto STAMP. La incolliamo poi sul programma "Paint", da cui la ritagliamo con il tasto "Ritaglia" e la incolliamo così sulla diapositiva. Inseriamo poi una casella di testo in cui riportiamo la fonte dell'immagine.

 

 

Slide 11

Scegliamo la diapositiva "Titolo con contenuto" per spiegare l'importante contributo dello studio di Shore all'argomento in questione, evidenziando con il colore giallo i concetti fondamentali trattati. Inseriamo poi l'animazione (utilizzando le modalità già descritte) in modo da far comparire i tre paragrafi del contenuto in sequenza.

 

 

 

Slide 12

Per la slide conclusiva, scegliamo da "Inserisci", "Forme", un cerchio che ingrandiamo e inseriamo al centro della slide. All'interno presentiamo le conclusioni utilizzando l'effetto "Entrata Veloce", e poi da "Enfasi" l'effetto "Ingrandimento", facendolo comparire con il precedente. Abbiamo fatto questa scelta per mettere in risalto l'importanza delle nostre affermazioni: l'ingrandirsi graduale del testo contenuto nel cerchio ci sembra donare particolare enfasi al contenuto presentato.

SCARICA TESINA IN PDF

SCARICA RELAZIONE DELLA TESINA IN PDF

Ultimo aggiornamento Giovedì 19 Maggio 2011 11:42